Alla luce del Faro. Storie in salita di giovani coraggiosi

di Roberto Scanarotti

Patrocinato da: Fondazione Il Faro (Roma) – Associazione Amici per la Città-Onlus (Roma)

“Non ci sono vite che non meritino d’essere raccontate. Ogni vita ha il suo spessore e i suoi perché e tutte hanno qualcosa da insegnare. Le dieci storie raccontate in questo libro narrano di ragazze e ragazzi che – a un certo punto del cammino – si sono ripresi la loro vita, hanno voluto immaginare un futuro credibile e hanno cominciato concretamente a costruirlo”.

Gianni Del Bufalo, Direttore Generale Fondazione Il Faro

 

La Fondazione Il Faro, nata nel 1997 per volontà di Susanna Agnelli, opera come centro di orientamento e formazione professionale dedicato ai giovani in condizioni di disagio sociale. Ha sede in Roma ed è aperta a ragazzi e ragazze di tutte le nazionalità.

“Quelle storie non dette, e solo in parte immaginabili, mi hanno parlato del Faro come di un solido contenitore di vissuti dai tratti esemplari. Uno scrigno di racconti straordinari, ai quali non poteva essere sottratto il diritto, né richiamato il dovere, di lasciarsi raccogliere e affidare alla forza liberatoria e testimoniale della propria scrittura”.

Roberto Scanarotti, giornalista, scrittore per diletto ed esperto in metodologie autobiografiche e biografiche.

Guardate il trailer: https://youtu.be/y62v0derNe0

La presentazione di Alla luce del Faro avrà luogo mercoledì 20 dicembre alle ore 18 presso la Fondazione Il Faro, via Virginia Agnelli 21, Roma (vedere invito)

invito Faro

 

 

The Guthrie Road. Una storia Irlandese

di Rosemary Sullivan

“In questo racconto acceso dalla memoria soggettiva della narratrice, ci vengono restituite emozioni familiari, in cui ogni personaggio si colloca perfettamente al proprio posto e gli ambienti sono dipinti come su un vecchio fondale di teatro, e ci sembra davvero di assistere ad uno spettacolo in cui il sipario si apre e si chiude, scena dopo scena, come un battito di palpebre, seguendo il ritmo cadenzato del ricordo”.   (Dalla prefazione di Dacia Maraini)

Opera bilingue – l’originale è l’inglese – che offre l’opportunità di conoscere un’autrice poco nota in Italia, ma di grande fama nel suo Paese d’origine, il Canada, e pubblicata in tutto il mondo.

Rosemary Sullivan, poetessa e narratrice, ama in primo luogo il genere biografico. Ha scritto numerose opere sulla vita di artisti e personaggi – il più recente è dedicato alla figlia di Stalin, Svetlana Alliluyeva. Ha una grande potenza evocativa di luogi, atmosfere, personalità. Per questo, come scrive Dacia Maraini nella prefazione, leggere The Guthrie Road è come trovarsi davanti a un sipario che si apre e si chiude per noi.

Di origini irlandesi, Rosemary Sullivan sente a un certo punto il bisogno di ricostruire la storia della propria famiglia, in cui spiccano le figure femminili. Compie questo viaggio immaginario utilizzando i proprio ricordi, le foto, i racconti e gli scritti dei familiari. Un chiaro esempio di paziente composizione di una storia che sempre affascina: qualla delle proprie origini.

Informazioni complete su http://www.equinozi.it/editoria/the-guthrie-road-una-storia-irlandese/

Guthrie Road_cover_front